Coppie di fatto e logica da asilo nido

Logica da asilo nido
Altro che logica elementare, questa è ancora più semplice, è da asilo nido. Eppure è sorprendente come venga stravolta da giovani laureati e vecchi intellettuali.

Chi decide di convivere lo fa perchè non crede nel matrimonio. Il loro amore non deve avere vincoli burocratici, è qualcosa che riguarda loro stessi. Allora perchè chi convive, le cosidette coppie di fatto, pretende poi tutele giuridiche e protezione pubblica? Con che logica? L’amore non ha a che fare con il matrimonio, religioso o civile, e però quando fa comodo la società, lo stato, il pubblico, devono darsi da fare per riconoscere quell’amore che SI E’ SCELTO DI VIVERE PRIVATAMENTE.

Perchè la società e lo stato rincorrono e fanno a gara per riconoscere le coppie di fatto che da se stesse si sono messe fuori dall’orbita sociale, politica, amministrativa, perfino burocratica? Perchè dover offrire qualcosa che non è richiesto? E se invece viene chiesto e preteso perchè accontentarli, con quale logica?

Scrivi un commento