Archivio di Maggio 2014

Festa della mamma per Desigual

Domenica 11 Maggio 2014

desigual2.jpg
Ho letto poco fa di una strana censura che lancia un messaggio contrastante. Ieri avevo visto la pubblicità della Desigual (i cui vestiti mi piacciono) con una ragazza che prova un vestito davanti allo specchio e si mette un cuscino per sembrare incinta. Dopo avere ancheggiato compiaciuta per quella nuova silouette si toglie il cuscino e mostra ammiccante dei preservativi che mette nella borsa ed esce dal camerino. La scritta in sovrimpressione “Buona festa della mamma” contrasta con la storia che sembra l’esaltazione del “sesso protetto” (da malattie e da quel “brutto male” che è la gravidanza). Questo almeno il significato della pubblicità italiana. Perchè in quella originale spagnola il significato è totalmente diverso. La ragazza, dopo essersi vista compiaciuta con il pancione, si mette in bocca uno spillo e buca i preservativi. Tutta un’altra storia. Nello spot italiano l’immagine dello spillo in bocca passa direttamente a quella in cui la modella mostra maliziosamente i preservativi chiusi in confezione verde, diffondendo un messaggio totalmente , totalmente “desigual” dal precedente.

Perchè questa censura? L’alternativa della pubblicità è in entrambi i casi discutibile. O la ragazza fora i profilattici e lo spot diventa un inno all’inganno: lei decide se fregare il maschiio il quale, credendo di andare sul sicuro, viene invece truffato da chi decide per tutti e due. Oppure non li fora e lo spot diventa un sarcastico inno all’antimaternità. In Itaia si è scelto quest’ultimo aspetto. Ma io avrei preferito il primo perchè lo spot italiano, oltre ad essere insensato se riferito alla festa della mamma, si adagia sul conformismo del meglio libere e sole che mamme e in compagnia. Questo è un dogma sociale che non si può discutere e chi prova a farlo passa per un relitto del passato. La versione orginiale è invece più comprensibile, scherzosa e anche nel suo messaggio, che è discutibile, può aprire alla discussione sul senso della genitoriaità. Lancia il messaggio che la maternità è una bella cosa, ma che è sbagliato il modo con cui la ragazza la vuole realizzare. Quello italiano afferma anch’esso che il destino è in mano alla sola donna, e non è questione d’amore e di relazione in una coppia con pari dignità, ma in più sancisce, come se non fosse una verità già abbastanza ribadita, che la maternità può aspettare od essere semplicemente esclusa. Per un difetto contro due è secondo me meglio la versione originale.

Versione integrale:
http://youtu.be/cYOAWXeH6QI

Versione italiana censurata:
http://youtu.be/E9MgSWaPI28

.