Archivio di Giugno 2014

A Renzi in fondo il Senato piace

Mercoledì 25 Giugno 2014

renzi-senato_500.jpg
Alcuni giorni fa mentre andavo a lavorare ho sentito per radio che la Camera ha votato contro il Governo e ha approvato un emendamento che prevede la responsabilità civile dei giudici (secondo me, in un qualche modo, andrebbe previsto un loro “rendere conto”). Il commento di Renzi, che sta forzare nei tempi la riforma costituzionale che prevede l’eliminazione del Senato, è stato: “Rimedieremo al Senato”. Bella coerenza. Inconsciamente si è accorto che una seconda lettura delle leggi (oltre a rallentare il procedimento legislativo) serve a migliorarle?

P.S.
La possibilità di riformare la Costituzione, che oggi necessita di una doppia lettura tra Camera e Senato, come avverrà? Si potrà cambiare la Costituzione solo con un “emendamento” votato alla sola Camera? Oppure sarà previsto il passaggio al Senato delle Regioni che non essendo eletto dai cittadini viene investito del potere di cambiare, senza troppa democrazia, le regole del gioco?

Oggi trovo un pò di tempo per scrivere di questa cosa e leggo favorevolmente che tanti altri si sono accorti della gaffe di Renzi. Riporto quella ironicamente caustica di Marco Travaglio:

Viva il Senato. “Tecnicamente parlando, il voto della Camera sulla responsabilità civile dei magistrati è una tempesta in un bicchier d’acqua, rimedieremo subito in Senato” (Matteo Renzi, 11-6). Fortuna che, tecnicamente parlando, non è ancora riuscito ad abolirlo.

Eliminare il Senato???? NOOOO!!!!

Mercoledì 25 Giugno 2014