CONFRONTI

 

 

 

     
     

Sul concetto di individuo

sabato 28 giugno 2003 15.29

G. G.
> Il significato di individuo e' di organismo che non puo' essere diviso.
Uno zigote puo' essere diviso. La clonazione non c'entra una sega.
Nella clonazione non tagli in due una persona.

Massimo:
Dal sito del radicale Coscioni, intervista a M. Mori:
« E la "persona" quando nasce? Individuo è la traduzione della parola greca "atomos", cioè "indivisibile". Ora nei primi 14 giorni l'embrione può scindersi (e formare dei gemelli). Non può, quindi, essere definito un "individuo"».

La parola a-tomo per indicare l'atomo si è rivelata sballata. Lo si è diviso. Eppure ancora alle università di fisica di tutto il mondo si continua a chiamarlo atomo nonostante l'inadeguatezza del termine. L'etimologia non dice sempre la verità della realtà a cui si associa la parola.

La parola individuo associata all'embrione non si addicerebbe perchè sarebbe divisibile come l'a-tomos? La divisione, naturale o artificiale, di un embrione nelle prime fasi del suo sviluppo dà luogo alla gemellazione, che è una clonazione primitiva. Non è difficile pensare a X (e non mi hai risposto) da cui nasce Y. Un individuo adulto poi è divisibile, segabile, percelizzabile. Forse anche per lui non si addice il concetto? Nella parola in-dividuo non si dice anche come e cosa deve dividere. Si dice che non lo è. Come a-tomo. E invece lo è.

Il mio dizionario Zingarelli dice: Indivisio, indivisibile | Individuale, singolo. L'embrione ha una identità singolare, unica, irripetibile. Questo indica la parola individuo.

> Poi (per quanto riguarda il tuo cnb) che l'embrione sia genericamente vita umana non v'e' dubbio. Non e' un individuo finche' non viene meno la plasticita' dei primi giorni.

Ah perchè ci può essere vita genericamente umana senza che ci sia un essere umano. Questa etericità della vita umana mi piace proprio. Serve il CICAP.

Poi è bello questo "IL TUO CNB". Quando non piace è "tuo". E' Nazionale, è anche tuo!

>dov'e' che il tuo cnb qualifica come individuo umano l'uovo fin
dalla fecondazione?

Ti piace giocare a nascondino con le parole. Leggilo tutto http://www2.comune.bologna.it/asscinc/comitato/COMITAT2.HTM
A me basta anche solo quella frase riportata, e la tua riluttanza ("il tuo Cnb") mi fa intuire che è più che sufficente anche per te a capire chi che si sta parlando.

> non ho mai detto che l'embrione non e' vita umana. Palesemente vive, palesemente fa parte del genere umano ergo e' vita umana, come del resto un tumore o quant'altro. Non e' pero' un individuo umano.

Adesso manderemo in galera anche l'estetista che toglie i "calli umani" e i medici che asportano "tumori umani"...

> e tu continui a sostenere che un'agglomerato plastico di cellule e' indivisibile (vedi significato di individuo) ...

Ma se lo zigote-morula-embrione si divide in continuazione... Se la divisione cellulare è proprio il modo della crescita dell'individuo che è iniziato. Modo che non cessa neppure ora che siamo adulti.

Questo fissarsi sull'etimologia (da capire in tutta la sua versaltilità) non porta lontano. Vai sotto una pressa. Sei divisibile. Si può fare un fruttino con la tua "individualità". E allora?

> ....anche se e' divisibile e riattacabile.

Piano, a essere corretti la parola "individuo" parla di non-divisibile. Non di non-riattaccabile. Per quello bisogna pensarne un'altra.

> Questo era l'unico punto su cui ero intervenuto, visto che ancora non ho letto niente di sensato al proposito, penso seguiro' il consiglio di Fiorella.

Maschera meglio la paura.
Per andare al mare con Fiorella bastano meno scuse.

Ciao ciao Massimo