Home   Studenti   Cristianesimo   Estetica   Religioni  Link
  Piazza   Genitori     Fede e ragione     Etica  

  Materiali

   Guestbook
  Contatto   Blog     Persona-Società     Pensieri     Libri    Svaghi
 

Lavori

 
· Dio e il male
· Hai un momento Dio?
 
   
     

Riflessioni

 
· I pregiudizi
· Lodoli e i ragazzi d'oggi
· Dio, regole e libertà
· Le promesse del corpo
 
   
   
     

 

 

 

Le promesse del corpo

Un giorno in macchina ho sentito per radio lo spot pubblicitario del film "Vanilla sky" (con Tom Cruise, Cameron Diaz e Penélope Cruz). La frase chiave che marcava il messaggio è stata una "folgorazione" per la sua intensità sintetica e provocatoria. Ho poi visto il film e oltre a quella frase ce n'era un'altra sul credere in Dio che però ora non ricordo più, detta sempre dalla protaggonista.

Il film è una storia bislacca, per come si rivela alla fine. In questa storia tuttavia ci sono diverse cose che hanno a che fare con la vita. Racconta di un giovane uomo ricco (Tom Cruise) che ama una donna "per divertimento" (la bionda Cameron Diaz) e che poi si innamora di un'altra (la mora Penélope Cruz). La prima è gelosa, anche se nei patti non avrebbe dovuto esserlo. Entrambi erano complici consenzienti di un'avventura "senza amore". Non importava se poi questa "relazione ligth"si è allungata nel tempo. L'accordo era che non avrebbero dovuto esserci impegni emotivi. Ed è qui che esce la frase tosta detta dalla ragazza bionda a lui: "Quando fai l'amore con qualcuno, il tuo corpo fa una promessa. Che tu lo voglia o no".

Mi è talmente piaciuta che ne ho fatto il pounto di partenza per alune lezioni. Ho poi chiesto a chi voleva tra i ragazzi di scrivere un paio di pensieri. Qualcuno ha risposto. Tra quelli già battuti al computer c'è questo della coraggiosa e vivace Chiara.

Se volete aggiungere il vostro pensiero non fate complimenti scrivendo alla redazione di Orarel.

Ciao, Massimo Zambelli


“QUANDO FAI L’AMORE CON QUALCUNO, IL TUO CORPO FA UNA PROMESSA, CHE TU LO VOGLIA O NO" (Vanilla sky)

Sono assolutamentissimamente d’accordo (come si scrive “d’accordo” ? ovviamente cancelli questa frase tra parentesi!!!!!)!
“Fare l’amore” significa donarsi completamente all’altra persona e non è possibile una donazione TOTALE a persone diverse.
Ultimamente si tende a banalizzare tutto, dai baci ai rapporti: ogni gesto diventa una forma di gioco e divertimento da provare un po’ con tutti..
Se per caso ci scappa anche un bambino abbiamo persino la possibilità di scegliere se lasciarlo vivere o no, questo frutto di un errore.
Come possiamo avere la presunzione di decidere sulla vita di un altro? Abbiamo forse dimenticato che la vita è un dono stupendo?

Tantissime persone si ritengono Cristiani perché vanno a messa la domenica, si confessano... ma essere cristiani non si ferma qui, “Cristiano” significa “colui che segue Cristo”…
Se facciamo quello che ci pare e, di ciò che Cristo ha detto accettiamo solo ciò che ci fa comodo, che Cristiani siamo?!?
Tanto vale inventare un’altra religione che ci consente di fare tutto quello che vogliamo, potrebbe chiamarsi Pinca Pallina o che so io.

Mi rendo conto che ciò che dico può sembrare strano, magari penserete: “Ma questa qui non può fare quello che fanno tutti senza crearsi pare inutili ?! E la chiesa non dovrebbe adattarsi e cambiare ideologia a seconda delle diverse epoche?!”

Non è ora di cominciare a pensare con la propria testa? Se dopo averci pensato SERIAMENTE vi troverete d’accordo con le tendenze del mondo di oggi, a favore del sesso prematrimoniale, dell’aborto…, non dovete cambiare, basta che ci siate arrivati da soli!
Rispetto le opinioni altrui, basta che gli altri rispettino le mie.

Prof, so che è un commento un po’ strano, quasi un flusso di coscienza ma è perfetto per descrivere la confusione che ho in testa in questo momento. Viviamo in un mondo che vuole farci diventare tutti uguali, pensare le stesse cose, comportarci nello stesso modo.
Cambiamolo!
Dobbiamo agire, non parlare solamente!!! Aloa!

Pele


Seguono altri testi arrivati per e-mail....

Scrivi a Orarel

 

Ciao prof, come va?

Sono qua che mi impegno disperatamente nell’inviare i risultati del fantacalcio, quando ecco che vedo la bustarella della posta in arrivo, apro, Orarel n.13. “Eh, guarda, il prof fa gli auguri di buona Pasqua, in ritardo...” penso io. Invece no, recensioni, commenti... Neanche gli auguri... e vabé, pace. Scorro veloce l’e-mail quando mi si butta in faccia una frase con un pizzico di provocazione.

“Quando fai l’amore con una persona il tuo corpo fa una promessa. Che tu lo voglia oppure no” presa dal film “Vanilla Sky” che, premetto, non ho visto.

Caspita! Rispondo o non rispondo, ma sì dai, che magari se ne ricorda alla resa dei conti... (capito prof, LA RESA DEI CONTI, IL GIORNO DEL GIUDIZIO...)

In sé e per sé la frase è giusta. Correttissimo è quello che dice e il modo, così esplicito e diretto, rende la sua validità ancora più vera.

Nel film, come ho appreso, i due protagonisti, il Cruis e la Diaz (e ci terrei a sottolineare la Diaz...) non fanno l’amore, scopano (perdoni il termine prof ma è necessario). La loro è una storia di durata non specificata senza alcuna spinta emotiva. Fare l’amore è ben diverso dallo scopare. Nel primo caso non si tratta di un unione prettamente chimica, come di fatto viene definito un rapporto sessuale, tra due persone, punto e fine. Di mezzo c’è un sentimento grande come il mondo e forse anche di più che si chiama Amore! Si tratta di due persone che, appunto, si amano e che si donano completamente al proprio partner ottenendo ancora più amore da questo. Nel caso di una perchè no “sana scopata”, questa è soltanto un’unione che mira a raggiungere il solo ed esclusivo piacere fisico. Per me questa seconda ipotesi è possibile, anche se opinabile e anche se va contro ciò che dice la frase del film. Non per questo la ritengo sbagliata; penso che l’unione sessuale di due individui possa avvenire anche se tra i due non vi è quella carica sentimentale che è l’amore. Certo sarà diverso, forse meno passionale, meno bello, ma non sbagliato. In conclusione, reputo che sia indispensabile discernere tra “fare l’amore” e “scopare”. E non tirerei in ballo la religione cattolica. Come ogni relgione ha dei limiti e penso che uno di questi sia “l’arretratezza”. Secondo me ciò che dice la bibbia, ciò che dice Gesù, non viaggia sullo stesso piano della società in cui viviamo. Penso che ormai si dia la precedenza al benessere proprio, anzichè a quello del prossimo, e penso che con una pistola puntata alla nuca sia difficile, molto difficile confidare in Cristo. Penso che quando tutto il mondo va a rotoli si stupido ritrovarsi in una grande piazza e cantare “Ti ringrazio mio Signore...”

Forse l’ultimo pezzo non c’entra tanto...(centra o c apostrofo entra? Boh!) veda un po’ lei prof, la saluto.

Mr €uro (23-04-03)

E' vero che tutte le volte che fai l'amore con qualcuno il tuo corpo s'impegna con una promessa, ed è anche vero che il sesso senza amore, magari con uno sconosciuto/a, fa di un'unione profonda e intensa tra due persone un atto puramente fisico ed egoistico. Sono d'accordo con Pele per quanto rguarda il fatto che al giorno d'oggi il sesso è banalizzato e volgarizzato, e solo in parte questa "pubblicizzazione" risponde ad un interesse vero di indagare questa sfera, sempre oggetto di pregiudizi e considerata tabù. Non credo però che si possa dare un giudizio così stretto per quanto riguarda la parola sesso prematrimoniale o aborto. Ci si può benissimo donare ad un'altra persona anche prima del matrimonio, senza che questo pregiudichi meno amore o meno fiducia. Per quanto riguarda l'aborto, personalmente se mi trovassi nelle condizioni di una ragazza incinta terrei il bambino, ma credo che bisogna lasciare agli altri la possibilità di decidere: tutti siamo diversi, e credo che comunque un aborto sia una scelta difficile per una persona... abortire non significa necessariamente compiere una scelta con leggerezza e senza scrupoli di coscienza.

Pier (12-05-03)

idiozie ... la fornicazione è fornicazione

oloferne (26-05-03)

Salve prof,
come vede alla fine sono riuscita a scriverle!!

Dopo alcune sue sollecitazioni durante la lezione ho pensato bene di dedicare una delle mie movimentate serate alla visione di Vanilla Sky.

Il film in sè e per sè non mi ha coinvolta molto, soprattutto a causa della sua svolta finale, ma resta comunque una ricca fonte di spunti di riflessione.

Comunque non siamo qui per discutere in generale dell'efficacia o meno del film, ma piuttosto di una delle tante frasi pungenti pronunciate dai protagonisti:
"Quando fa l'amore con qualcuno, il tuo corpo fa una promessa. Che tu lo voglia o no", spiega Julie (Cameron Diaz) a David (Tom Cruise) dopo avergli rivelato il suo amore. E con questo infrange le regole del gioco: la loro storia era soltanto sesso, esclusivamente l'appagamento di un bisogno fisico. Non era concepito così all'inizio: nessun coinvolgimento emotivo, nessun sentimento; lo stesso David definisce Julie "un'amica".

Si tratta dunque del sesso, da cui è lontano anni luce l'amore! In questo modo si giunge alla fatidica domanda che attanaglia gli adulti e soprattutto gli adolescenti da generazioni: esiste il sesso senza amore? Amore, una parola così breve che però racchiude in sè il sentimento più forte e importante. In Vanilla Sky l'amico di David, Frank mi pare, dice al protagonista dopo che gli ha rivelato la sua avventura con Julie: "Tu puoi fare tutto quello che vuoi con la tua vita; ma un giorno scoprirai cosa è veramente l'amore. E' dolce e amaro. Io l'ho conosciuto l'amaro e questo mi permette di apprezzare il dolce". Altro è dunque il sesso dall'amore. Dice bene Julie quando usa l'espressione "fare l'amore" ma probabilmente ne fa uso improprio.

Può darsi che lei, coinvolta emotivamente ed addirittura innamorata, si fosse lasciata andare, fosse stata travolta dai sentimenti senza essersi però resa conto di aver travalicato il confine della loro relazione. Dall'altro lato David, forse ignaro dei sentimenti reali della compagna, si era limitato all'appagamento del piacere fisico senza dare troppo peso alle emozioni.

Il problema sostanziale sta proprio qui: se entrambe le persone, e sottolineo entrambe, escludono a priori qualsiasi coinvolgimento sentimentale, essendo comunque consapevoli del rischio a cui si va incontro, perchè non possono concedersi un'avventura puramente sessuale? L'importante è che nessuno dei due partner si prenda gioco dei sentimenti dell'altro, no?

In una storia d'amore, al contrario, entrambi gli amanti sono legati da qualcosa che va oltre la necessità di appagare un bisogno fisiologico. In questo caso si tratta sì di una promessa, di una dimostrazione del
sentimento provato. E non si possono accettare entrambe le possibilità? Indubbiamente nulla è comparabile alla consapevolezza di avere una persona accanto che ci ama e non desidera soltanto il nostro corpo. Con questo non è mia intenzione predicare il sesso libero, ma piuttosto non voglio escludere nessuna delle due possibilità. E' universalmente riconosciuto l'amore come sentimento fondamentale alla base dell'intera umanità, ma è necessario anche accettare il sesso come attività umana.

Mm, probabilmente "attività umana" è un'espressione un po' cruda, ma come potremmo definirlo?
E attenzione, dopo aver letto l'intervento di Mr €uro avreste potuto credere che sia una concezione esclusivamente maschilista, ma anche io in quanto ragazza la penso allo stesso modo.

Maschilista è invece la convinzione che il fare sesso sia motivo di vanto per i ragazzi mentre causa di vergogna per le ragazze. Per quale motivo un ragazzo che fa sesso con una ragazza è un "ganzo" mentre se accade il contrario le dicerie e le malelingue dilagano? Vabbè, le cose da dire a questo proposito sono una miriade.
Aspetto di leggere presto altri commenti.

Un saluto a tutti e anche al prof!

Susan_Lewis (29-05-03)

Credo sia vero che quando si ha un rapporto sessuale con qualcuno ci si scambia una promessa. Non voglio ora cadere nel banale con la fatidica domanda "esiste il sesso senza amore?", perchè in ogni modo facendo l'amore o "scopando" (cfr Mr_euro) doni all'altra persona non solo il corpo ma anche la mente e l'anima. Non credo infatti sia possibile che il corpo possa scindersi completamente dalla mente durante il rapporto: non siamo macchine, ma esseri umani cioè una miscela di materia, senzazioni e sentimenti.

Non si può quindi ridurre, a mio parere, il fare l'amore a un puro atto meccanico che non comporta alcuna "conseguenza".

Credo che sia il pensare che tutto sia dovuto e che il sesso sia pura meccanicità siano figli della società odierna: Pele hai ragione bisogna saper pensare con la propria testa!!

Saluti a tutti. Ribby (20-09-03)

Quando fai l'amore con una persona fai una promessa. Quando non c'è amore è solo per puro piacere. Ma l'amore è una cosa diversa, non va sottovalutata. Secondo me fare l'amore solo per provare piacere non è una cosa giusta. Fare l'amore è un momento unico. Tom Cruise e Cameron Diaz scopano, non fanno l'amore. Lei è innamorata ma lui la usa solo per soddisfarsi. Ma non bisogna usare le donne come oggetti di piacere. Sono esseri umani.

babi (05-06-06)